Nun te salva manco bombi, fa la fine del ca’ de Luzi

Condividi per favore

Aqui nun ce salva manco Bombi = fino dala fondazió (più d’un zeculo fa) l’Uspedale Umberto I ciaveva un riparto de Chirurgiua generale cui fiochi, che intél tempo è stato direto da primari cui controc….. controfiochi: i prufessori Capeli, Bombi, Giardini, Pricolo, Pulidori, Paliaga… e via dicendo. Tra questi uno dei più famosi era propio Bombi, che ciaveva dele mà d’oro che risulveva tuti i prublemi. Da lì è nato el deto in questió, che se usa quanto uno se trova intéla merda fino al colo e serve un intervento pruvidenziale, che manco Bombi te pudrìa tirà fori (nota bè che nun ze usa solo intél campo dela salute, ma è univerzale e vale nté ogni situazió).

Fà la fine del ca’ de Luzzi = morire per fatto violento e singolare – parechi ani fa Luzi Ulderico, de prufessió sartore, stava de casa e lavurava nté ‘n apartamento al primo piano de Palazo Gozi (de fronte ala Standa de Corzo Carlo Alberto) e ciaveva ‘n cà; ‘n giorno stu cà jé casca dal terazì de soto sula strada (che qula volta se chiamava via De Pinedo), e pòle esse che se la sarìa cavata, se nun fosse stato preso soto prima da ‘n calesse che passava de lì, e po’ adiritura dal tranve; ogi st’espressió se usa per dì de esse propio sfigati al massimo, ma qula volta sta frase era na vera e propia minacia (dal Diziunariu de Mariu Panzini)

Condividi per favore