La fidanzata dorme in macchina, lui finisce sotto il treno

Posted by
Condividi per favore

La compagna dorme sul sedile posteriore della macchina incidentata, ferma da giorni nel parcheggio della stazione di Palombina. Lui scende, si siede al bordo dei binari sulla banchina e viene travolto dal regionale Ancona-Roma. E’ morto così un 48enne anconetano residente a Jesi. Gli investigatori dovranno ora accertare se si sia trattato di un gesto volontario o di un incidente dovuto a un possibile abuso di alcol. Indagano gli agenti della Polizia Ferroviaria, che hanno identificato l’uomo solo grazie al suo cellulare. Il 48enne non aveva documenti addosso, i poliziotti sono riusciti a contattare un amico che, giunto sul posto, ha riconosciuto l’automobile parcheggiata e la donna che ci dormiva dentro: «Si, quello è il suo cellulare e quella è la sua ragazza» ha detto coprendosi il volto con le mani in segno di disperazione.

La tragedia è avvenuta alle 19,50. Secondo le prime ricostruzioni il 48enne avrebbe detto alla compagna di volersi recare in un magazzino di sua proprietà, poco distante dalla stazione. Dopo essere sceso dalla macchina però, avrebbe percorso i dodici gradini che separano l’ingresso della stazione dalle banchine, per poi sedersi a fianco al binario con la testa raccolta tra le mani. Il macchinista del regionale ha spiegato agli investigatori di aver attivato per ben due volte il segnale acustico, ma l’uomo è rimasto dov’era. Inutile il tentativo estremo di frenata. Il corpo è stato sbalzato a una cinquantina di metri di distanza. «L’avevo sentito al telefono alle 19, dovevamo metterci d’accordo per un lavoro che dovevamo fare domani mattina a Perugia, stava salutando qualcuno e mi ha detto che mi avrebbe richiamato lui, ma non l’ha più fatto- ha raccontato l’amico giunto sul posto- suicidio? Non ne aveva assolutamente motivo». Lo stesso amico ha poi riconosciuto l’auto della fidanzata e la ragazza stessa, che stava dormendo sul sedile posteriore della Fiat Punto visibilmente incidentata. La macchina, secondo alcune testimonianze, si trovava nel parcheggio della stazione da diversi giorni con danni nella parte anteriore sinistra e una gomma a terra. La donna, in stato di confusione e forse in preda ai fumi dell’alcol, ha detto di non aver visto nulla. E’ stata visitata dai medici del 118 su un’ambulanza della Croce Gialla, ma non è stato necessario il trasferimento in ospedale.  (AnconaToday)

Hits: 280

Condividi per favore