Oggi giorno dell’addio alle tre vittime del frontale

Posted by
Condividi per favore

E’ il giorno dell’addio a Giuseppe, Francesca e Mattia. Due città unite nel dolore saluteranno per l’ultima volta i tre ragazzi che hanno perso la vita nel terribile frontale di sabato notte sulla Statale, al confine tra Montemarciano e Falconara. Uno schianto su cui ancora si deve far chiarezza e attorno al quale gli inquirenti mantengono uno stretto riserbo. In mancanza di testimoni, la speranza è che qualche telecamera privata abbia ripreso la scena perché per il personale della Polizia Stradale di Senigallia non è semplice ricostruire la dinamica e, di conseguenza, attribuire le responsabilità del caso, anche se la verità – a cui contribuiranno le ispezioni cadaveriche eseguite lunedì su disposizione del pm Rosario Lioniello e l’esito delle analisi ematiche – comunque non consolerà le tre famiglie.

Sarà una lunga giornata di lutto. Alle 10,30 nella parrocchia del Sacro Cuore di Gesù, in piazza Salvo d’Acquisto, l’addio a Francesca Traferri, la 35enne con la passione per gli animali e per l’Anconitana, legatissima alla sorella Federica, con cui condivideva la stessa camera. Era seduta accanto al fidanzato Giuseppe Babici quando l’Audi A4 condotta dal 35enne, dipendente delle Poste e figlio dell’ex comandante della Stazione dei carabinieri della Montagnola, attorno alle 3,40 della notte tra sabato e domenica, di rientro a casa dopo una serata trascorsa in un locale della riviera, si è scontrata frontalmente lungo l’Adriatica con la Bmw di Mattia Bressan, il barman 21enne originario della Lombardia ma da due anni residente a Marina di Montemarciano col padre e il fratello di 16 anni. I funerali di Giuseppe si terranno oggi alle 14 a Torrette, nella chiesa Santissima Madre di Dio di via Metauro.
Quelli di Mattia, invece, si svolgeranno, sempre alle 14, a Venegono Superiore, in provincia di Varese, la sua città d’origine. Ieri pomeriggio, intanto, i suoi amici anconetani e i famigliari più stretti l’hanno salutato nella chiesa del Cristo Divino Lavoratore, dove la salma è stata benedetta dal parroco in una cerimonia privata. (Corriere Adriatico)

Hits: 145

Condividi per favore